Certificazione Sostenibilità
La Cantina

Il Borro s.r.l Società Agricola è un’azienda agricola all’avanguardia, dal 2015 interamente biologica.
1.100 ettari immersi nel cuore del Valdarno e circondati da boschi incontaminati. Fiore all’occhiello della Tenuta sono gli 85 ettari di vigneti e i 29 di uliveti, ma anche l’ospitalità di lusso offerta da una struttura restaurata, per volontà della famiglia Ferragamo, nel pieno rispetto della storia e architettura del luogo, e che oggi ospita turisti da tutto il mondo.

A completare i possedimenti, vi sono 272 ettari destinati a foraggi e seminativi, un ettaro all’orticoltura biologica e i restanti terreni dedicati alla silvicoltura.

Il Borro è situato a nord nella zona geografica rurale del Comune di Arezzo in Toscana. L’Azienda, trovandosi in prossimità della riserva naturale protetta La Valle dell’Inferno lungo il corso del fiume Arno, ha preso coscienza dell’importanza della tutela di questo patrimonio naturalistico.

Il progetto vitivinicolo del Borro nasce nel 1995 con i primi studi per la determinazione dei terreni e delle loro caratteristiche. I vigneti, situati tra i 300 e i 500 metri sopra il livello del mare, crescono sulle colline del Valdarno ai
piedi del monte Pratomagno, godendo di una posizione privilegiata per quanto riguarda la coltivazione della vite.
Dopo attenti esami analitici dei terreni e aver studiato tutte le caratteristiche pedoclimatiche sono state identificate le
varietà, i cloni, i portainnesti più adatti ai terreni della tenuta.

 

Dati contatto
Aperto
Aperto 24 ore oggi
  • Lunedì

    Aperto 24 ore

  • Martedì

    Aperto 24 ore

  • Mercoledì

    Aperto 24 ore

  • Giovedì

    Aperto 24 ore

  • Venerdì

    Aperto 24 ore

  • Sabato

    Aperto 24 ore

  • Domenica

    Aperto 24 ore

  • 26 Febbraio 2024 21:57 ora locale

Indirizzo

Borro, Loro Ciuffenna, Arezzo, Italy

Regione
Cosa facciamo per la sostenibilità ambientale?

Il Borro, consapevole che il successo sul lungo periodo dell’azienda dipende anche dalla corretta gestione dei suoi
impatti ambientali, ha messo il rispetto del territorio al centro della filosofia aziendale. Il rispetto per l’ambiente
si concretizza attraverso diverse iniziative implementate nel corso degli anni come l’utilizzo di fonti energetiche
rinnovabili, la costruzione di strutture efficienti dal punto di vista energetico, sistemi di riutilizzo dell’acqua e pratiche agricole che rispettano i ritmi naturali del territorio.

Un ulteriore elemento di attenzione per il rispetto del territorio e dell’efficienza energetica è dato dalle case a «bolletta zero», Casa al Coltro, Casa al Molli e Poggi Pietri: strutture ad alta efficienza alimentate esclusivamente grazie alle energie rinnovabili, quali la geotermia, e dotate di:
· Pannelli solari.
· Pompe di calore aria-acqua, che riscaldano e raffreddano gli ambienti, oltre a produrre l’acqua calda sanitaria.
· Cappotto termico che garantisce un isolamento, sia termico che acustico, completo.

Il Borro è circondato da boschi incontaminati dov’è possibile imbattersi in diverse specie vegetali e animali; l’azienda, infatti, possiede circa 420 ettari di superficie boschiva situata nei pressi della Riserva Naturale Regionale Valle dell’Inferno e Bandella. Gli sforzi nella cura e nella gestione del patrimonio forestale non dipendono unicamente dal contributo dei boschi e della bellezza del paesaggio in cui risiede la Tenuta, ma soprattutto dalla consapevolezza che i servizi ecosistemici forniti dalle foreste sono vitali per la salute e il benessere dell’uomo, e per tutte la varietà di specie viventi che esse ospitano. Tra questi servizi ecosistemici ha assunto un’importanza centrale la capacità di assorbimento delle emissioni antropiche di anidride carbonica da parte delle foreste, capacità che incrementa notevolmente quando il patrimonio forestale è gestito correttamente rispetto a quando viene lasciato a sé stesso, e che per questo rappresenta uno dei più importante strumenti di mitigazione del riscaldamento globale.

Cosa facciamo per la sostenibilità Sociale?

Il Borro riconosce che lo sviluppo del capitale umano è la chiave per garantire un’offerta di servizi e prodotti di qualità e investe costantemente nella crescita professionale e umana delle persone. La proprietà ha sempre cercato di
coinvolgere i dipendenti non solo nella vita aziendale ma anche nella condivisione di valori comuni come il rispetto e
la correttezza nei rapporti tra i dipendenti.

Negli ultimi anni il Gruppo ha incrementato il numero dei suoi collaboratori, con un’attenzione alle pari opportunità che ha portato la presenza femminile in azienda ad essere nel corso dell’ultimo esercizio pari al 45%. Inoltre, la presenza di un’azienda come Il Borro ha notevoli ricadute occupazionali in un territorio con limitate possibilità lavorative. Anche per questioni logistiche, la Tenuta predilige l’assunzione di personale del territorio: il 98,3% dei dipendenti è residente nella regione Toscana.

Il Borro, consapevole del ruolo che la comunità e il territorio della Toscana rivestono nel successo stesso dell’azienda, ha sempre cercato, attraverso lo sviluppo di iniziative ed erogazioni liberali, di supportare il territorio e le comunità in cui opera. Negli anni della sua storia, Il Borro ha sostenuto numerose iniziative nella musica e nella cultura in tutte le sue varie declinazioni.

Dettaglio Sostenibilità Economica

Responsabilità e sostenibilità sono valori integrati nella tradizione aziendale de Il Borro, che si impegna a perseguire
uno sviluppo economico sostenibile, combinando gli elementi peculiari del proprio essere con i principi ispirati alla
valorizzazione delle minoranze, al rispetto dei principi etici, alla promozione della cultura e dello sport sul territorio e alla tutela dell’ambiente.

Gran parte delle materie prime, utilizzate nei ristoranti all’interno della Tenuta, come ortaggi, uova, farine, olio e
vino, vengono prodotte dall’azienda stessa, secondo la filosofia farm to table. Le principali tipologie di acquisti per le attività della tenuta fanno riferimento a manodopera, macchinari e materie prime per lo svolgimento dell’attività agricola e servizi per le attività legate all’ospitalità. Nel 2022 il 98% delle forniture sono state effettuate da fornitori locali, ovvero fornitori situati in Italia. I fornitori esteri hanno rappresentato solamente il 2% degli acquisti totali.